Sperimentando…

Se c’è una cosa che amo fare in cucina, è proprio sperimentare nuove ricette. Deve essere un lascito dell’infanzia, quando ero sempre presa a mescolare qualsiasi cosa: terra con fiori, acqua con saponi, plastica con oggetti vari, fino ad arrivare all’ambita zona della cucina. Ho un’intera collezione di fotografie negli album dei ricordi che mi ritraggono seduta sulla cucina ad “aiutare mia mamma” mentre preparava una torta. Nella foto più datata dovevo avere circa due anni. Impiastrata da testa a piedi di farina, impasto per biscotti, cioccolato fuso, con le manine piene di mestoli in legno che ripulivo diligentemente. Non facevo una piega, stavo li, felice in mezzo a quegli ingredienti che qualche anno dopo iniziai a maneggiare da sola. Creando pasticci, e qualche volta pure qualcosa di buono. L’attitudine è rimasta invariata, l’entusiasmo c’è sempre. La buona riuscita di ciò che creo? Forse dovrei dirvi che è sempre tutto perfetto, sempre cotto a puntino, e che gli abbinamenti sono riuscitissimi. Ma mi crescerebbe il naso peggio che a Pinocchio. La realtà è che in cucina ho collezionato una serie di flops epici. A volte mi fanno pure ridere, e per fortuna che dalla mia ho l’autoironia altrimenti sarebbero veri affronti all’ego. 

La pasta brisé di grano saraceno, che vi propongo oggi, nasce appunto da questa mia curiosità di creare qualcosa di nuovo e mai assaggiato prima. Il ragionamento è stato: con questa farina normalmente preparo i pizzoccheri che vengono poi conditi con verdure e formaggio…il risultato della trasformazione? Lo vedete in immagine!

Difficoltà: media
Tempo di preparazione: 30 minuti
Tempo di cottura: 20 minuti per le piccole quiche, circa il doppio per quella grande

Ingredienti per una quiche grande o 12 piccole (diametro 9 cm)

Per la pasta brisé
300 grammi di farina di grano saraceno
5 cucchiai di olio di oliva
1 uovo
1/2 cucchiaino di sale
1 dl di acqua fredda
1 noce di burro per imburrare gli stampini/stampo
Per il ripieno
4 porri medio-grandi
3 uova
70 ml di panna
120 grammi di feta
Olio di oliva q.b.
Sale, pepe q.b.

Iniziate con la pasta brisé: in una terrina mescolate la farina con il sale, aggiungete l’olio di oliva, l’uovo leggermente sbattuto e l’acqua. Impastate finché non avrete ottenuto un impasto omogeneo. Riponetelo in frigorifero per circa 1 ora.

Per il ripieno: lavate bene i porri e tagliateli a rondelle (io uso anche la parte verde scura). Fateli cuocere in padella assieme a tre cucchiai di olio di oliva, poco sale ed un goccio di acqua. Vanno cotti un paio di minuti a fuoco vivo, poi col coperchio a fuoco medio basso. Saranno pronti un una decina di minuti. Se a fine cottura ci sarà ancora dell’acqua, cuocete ancora un attimo senza coperchio per farla evaporare.

Stendente la pasta brisé abbastanza finemente, poi inseritela negli stampini per le piccole quiches o una teglia per crostate grande (precedentemente imburrate). Bucherrellate il fondo con una forchetta. Forse vi avanzerà un po’ di pasta.

In una terrina, sbattete le uova con la panna, aggiustate di sale e pepe.
Mettete un paio di cucchiai di porri in ogni quiche, oppure tutti i porri nella quiche grande. Sbriciolate la feta sopra ai porri, versatevi il composto di uova e smuovete il tutto con una forchetta in modo che copra le quiches (o la grande quiche) in modo uniforme.

Le piccole quiches cuociono a 180 gradi, forno statico, in una ventina di minuti. Gli ultimi 5 minuti ho messo la modalità di calore dal basso e spostato le quiches nella parte inferiore del forno in modo che la pasta brisé fosse ben cotta. La quiche grande ci metterà un po’ di più a cuocere, circa 35-40 minuti. Visto che la cottura dipende molto dallo spessore della pasta e dal tipo di forno, vi consiglio di controllare il fondo della torta prima di estrarla dal forno. Sarà pronta quando i bordi saranno ben dorati, ed il fondo sarà ben cotto e asciutto.

Fate intiepidire le quiches/la quiche prima di servire. Si conservano in frigorifero per un paio di giorni.

ENGLISH VERSION RECIPE

Difficulty: medium
Preparation time: 30 minutes
Cooking time: 20 minutes for the small quiches, about double for the large one

Ingredients for a large or 12 small quiche (diameter 9 cm)

For the shortcrust pastry
300 grams of buckwheat flour
5 spoons of olive oil
1 egg
1/2 teaspoon salt
1 dl of cold water
1 knob of butter to butter the molds / mold
For the stuffing
4 medium-large leeks
3 eggs
70 ml of cream
120 grams of feta
Olive oil to taste
Salt, pepper to taste

Start with the shortcrust pastry: in a bowl mix the flour with the salt, add the olive oil, the slightly beaten egg and the water. Knead until you have obtained a homogeneous dough. Place it in the refrigerator for about 1 hour.

For the filling: wash the leeks well and cut them into rounds (I also use the dark green part). Cook them in a pan together with three tablespoons of olive oil, a little salt and a drop of water. Cook them for a couple of minutes on high heat, then with the lid on medium-low heat. They will be ready in about ten minutes. If there is still water at the end of cooking, cook for a moment without a lid to evaporate it.

Roll out the shortcrust pastry quite finely, then insert it in the molds for the small quiches or a large pan for a bigger tart (previously buttered). Riddle the bottom with a fork. Maybe some dough will be left over.

In a bowl, beat the eggs with the cream, season with salt and pepper.
Put a couple of tablespoons of leeks in each quiche, or all the leeks in the large quiche. Crumble the feta over the leeks, pour the egg mixture and stir everything with a fork so that it covers the quiches (or the big quiche) evenly.

The small quiches cook at 180 degrees, static oven, in about twenty minutes. The last 5 minutes I put the heat mode from the bottom and moved the quiches to the bottom of the oven so that the shortcrust pastry was well cooked. The large quiche will take a little longer to cook, about 35-40 minutes. Since cooking depends a lot on the thickness of the dough and the type of oven, I recommend checking the bottom of the cake before removing it from the oven. It will be ready when the edges are well browned, and the bottom will be well cooked and dry.

Let the quiches / quiche cool before serving. They can be kept in the refrigerator for a few days.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...