Chiacchiere a non finire

E dunque me li volete dire quali sono i vostri buoni propositi per il 2020? Scommetto che in cima alla lista ci sono tutte quelle belle cose che farebbero di noi delle personcine modello. Tipo? Tipo andare in palestra almeno 3 volte a settimana, tipo ricordarsi di prendersi più cura di se prenotando massaggi e […]

Continua a leggere

Flammkuchen pere/zola

Il mio primo incontro con il Flammkuchen narra di una delusione. Mattinata sulle piste da sci, temperatura stimata? Meno 15 gradi. Piedi? Li vedevo, ma non rispondevano più ai comandi da quanto erano congelati (abbiate pazienza, ai tempi non esistevano ancora gli scarponi riscaldati, gli scaldapiedi o le solette calde, al massimo si sarebbero potuti […]

Continua a leggere

Pandor Perdu

Quanti ne avete acquistati? E quanti ne avete ricevuti in regalo? Ma soprattutto: quanti ve ne rimangono sparsi per casa, ancora nuovi di zecca nella loro bella confezione? Sono deliziosi, ed una fetta tira l’altra, ma (purtroppo) non si può vivere di sol pandoro, e tra una golosità e l’altra qualche verdura va pur mangiata. […]

Continua a leggere

Florentiner

Mia nonna, posso descrivervela? In poche righe, perché su di lei potrei scrivere un libro, ma per non ricadere in uno dei miei classici Amarcord cercherò di essere concisa. Avete presente quando da piccoli leggevate dei libri in cui venivano descritte quelle tenere nonne con il sorriso sempre stampato in volto, una dispensa carica di […]

Continua a leggere

Paris, s’il vous plait

Che se penso al carpaccio, mi ritrovo a Parigi. Lo so, dovrei catapultarmi con la mente da Cipriani a Venezia, invece no. Perché sebbene il carpaccio di Cipriani sia storia, la mia storia col carpaccio è all’ombra della Tour Eiffel. E non è neppure tanto recente, parliamo della metà degli Anni ‘90. In viaggio con […]

Continua a leggere

Little stars…

Siete tra coloro che invitano, o tra coloro che sono stati invitati? Perché diciamocelo, le due macro categorie sono queste. O si invita, e si mettono i piedini sotto al tavolo e ci si lascia semplicemente viziare. Fino a qualche anno fa, facevo parte di coloro che bussavano alla porta dei genitori col panettone nella […]

Continua a leggere