Spitzbuben Lover

Una cosa non mi torna. Non l’ho proprio mai capita. Mica sforno biscotti a forma di renna ad agosto, per carità. O stelline decorate con glasse e perline colorate nel mese di maggio. Quelli li riservo alle produzioni prenatalizie (che a casa mia iniziano comunque con largo anticipo, da inizio novembre direi che tutto diventa […]

Continua a leggere

Chicken Burger

È in assoluto la carne che cucino più spesso. I bimbi lo adorano, soprattutto al forno con la pelle croccante e saporita. O impanato, ne mangerebbero tutti i giorni. Noi genitori? Pure. È una carne molto versatile, magra e ricca di proteine. E con un po’ di fantasia, diventa davvero un piatto goloso. Così, dopo […]

Continua a leggere

Castagne e cioccolato

Ci sono delle cose che automaticamente riportano all’infanzia. Gli stivaletti per la pioggia, le figurine, i vestitini sempre macchiati di colori ed erba, le grida festose che ancora non sanno bene calibrare il volume, e poi c’è il budino. Non trovate anche voi che sia un tipico dolce per i bimbi? Per i bimbi, e […]

Continua a leggere

Pumpkin & cheese

Ci siamo, è arrivato quel momento dell’anno. La stagione che molti disdegnano perché troppo impegnati a rimpiangere le lunghe e calde giornate estive. Ed io invece faccio il bastian contrario, ed a gran voce confermo di amare l’autunno. I suoi colori, le giornate miti ed anche quelle fresche. Le sagre ricche di prodotti locali. Castagne, […]

Continua a leggere

Un classico

Abbiate pazienza, sono in un periodo carico di amarcord. O forse, pensandoci, è una costante. Ecco, direi una costante ogni qual volta io scriva un articolo inerente ad una ricetta. Il fatto è che raramente un piatto non mi evoca ricordi, frammenti di vita o emozioni vissute. Spesso legate all’infanzia, dove ogni profumo e sapore […]

Continua a leggere

Torta d’autunno

Avevamo un giardino, anzi due. Uno davanti alla casa, l’altro dietro. Nel primo primeggiavano gli alberi da frutto ed un prato che mia nonna teneva come un oracolo, sempre tagliato al millimetro. Nel secondo un roseto, tante camelie, qualche cespuglio dal nome a me sconosciuto, e poi lei. Non sembrava nemmeno una pianta. Era lì, […]

Continua a leggere