Voglia d’estate

La primavera, la stagione dei colori. Rosa, giallo, bianco, verde, rosso, lilla. Alberi carichi di fiori, ed a guardarli ti sembra quasi impossibile che tanta bellezza fosse nascosta fino a poco tempo fa. È sempre una magia, e quest’anno abbiamo anche più tempo per ammirarla, e renderci conto di quanto questa nuova stagione sia un’esplosione […]

Continua a leggere

Roll it!

Mi ricorda, chissà perché, gli uccelli scappati. Che tranne il fatto di essere arrotolati, probabilmente non hanno un gran che da spartire. Uccelli scappati che, tra l’altro, non ho mai più mangiato dopo l’asilo, dove invece le due mitiche cuoche della mensa scolastica di Brissago lo servivano come cavallo di battaglia. Mi ricordo una carne […]

Continua a leggere

Pizzocheri ma…

Io me li ricordo. Mia madre so già che direbbe “ma no Misch eri troppo piccola”. Ed invece io li ho ancora ben presenti. Non avevo ancora tre anni, li avrei compiuti poco dopo. A Natale arrivarono, mia sorella ed io li desideravamo tanto. Erano di plastica, arancioni, con due adesivi sulle punte. Raffiguravano un […]

Continua a leggere

Un dinosauro!

Non vi immaginate una zuppa ripiena di ossa di dinosauro o chissà quale strana invenzione. No no, siamo fermi all’abc dei trucchi per far mangiare le verdure ai bimbi. E qui a casa ne abbiamo uno quasi infallibile: dare un nome al piatto, e dire che è stato creato apposta per un bimbo piuttosto che […]

Continua a leggere

Flammkuchen pere/zola

Il mio primo incontro con il Flammkuchen narra di una delusione. Mattinata sulle piste da sci, temperatura stimata? Meno 15 gradi. Piedi? Li vedevo, ma non rispondevano più ai comandi da quanto erano congelati (abbiate pazienza, ai tempi non esistevano ancora gli scarponi riscaldati, gli scaldapiedi o le solette calde, al massimo si sarebbero potuti […]

Continua a leggere

Birchermüesli

Immagino che al primo posto ci sia il cioccolato, seguito dagli orologi, il formaggio e le banche. Ma forse mi sbaglio, immagino ci sia una classifica ben definita. Le montagne, il latte e la nostra precisione. E Roger Federer dove lo mettiamo? Il plurilinguismo? Che poi io non vorrei dimenticare di inserire pure una lista […]

Continua a leggere