Sperimentando…

Se c’è una cosa che amo fare in cucina, è proprio sperimentare nuove ricette. Deve essere un lascito dell’infanzia, quando ero sempre presa a mescolare qualsiasi cosa: terra con fiori, acqua con saponi, plastica con oggetti vari, fino ad arrivare all’ambita zona della cucina. Ho un’intera collezione di fotografie negli album dei ricordi che mi […]

Continua a leggere

Magic Toast

Credo di cucinare le patate dolci da quasi dieci anni. Iniziai perché una nutrizionista, conosciuta ad una festa, me ne parlò in maniera talmente entusiasta che non potei fare a meno di iniziare le mie solite ricerche nel web riguardo a questo alimento. Faccio un passo indietro, perché lo so che vi starete chiedendo “Ma […]

Continua a leggere

Baba Ganoush

Come l’ho scoperto? In Libano. Mi trovavo a Beirut per il battesimo del mio primo nipotino, una bellissima cerimonia ed una festa in grande stile. Donne elegantissime, truccate con una perfezione da copertina patinata. Occhi scuri, sopracciglia folte come piacciono a me, ed abiti brillanti che riempivano una sala ornata e maestosa. Era il 2006, […]

Continua a leggere

Catalana di gamberoni

È un piatto che ho imparato ad amare quando vivevo a Milano. Non so dirvi se ho mangiato più catalane o sushi nel mio periodo milanese, ma vi assicuro che è una dura lotta. La catalana a mio avviso può essere definita “un tripudio di sapori”. E ciò che è tassativo è la qualità degli […]

Continua a leggere

Un dinosauro!

Non vi immaginate una zuppa ripiena di ossa di dinosauro o chissà quale strana invenzione. No no, siamo fermi all’abc dei trucchi per far mangiare le verdure ai bimbi. E qui a casa ne abbiamo uno quasi infallibile: dare un nome al piatto, e dire che è stato creato apposta per un bimbo piuttosto che […]

Continua a leggere

Flammkuchen pere/zola

Il mio primo incontro con il Flammkuchen narra di una delusione. Mattinata sulle piste da sci, temperatura stimata? Meno 15 gradi. Piedi? Li vedevo, ma non rispondevano più ai comandi da quanto erano congelati (abbiate pazienza, ai tempi non esistevano ancora gli scarponi riscaldati, gli scaldapiedi o le solette calde, al massimo si sarebbero potuti […]

Continua a leggere