AMARETTI TICINESI

Dunque, arriviamone ad una: siamo tutti concordi nell’attestare che quando si è invitati a pranzo o a cena a casa di amici, non si possa bussare con due mani, vero? Un pensiero, un fiore, un regalino per i bimbi, insomma: qualsiasi cosa che vi impedisca di farvi trovare davanti al portone di casa con la mano destra e pure quella sinistra a penzoloni. Comunque questa non è una rubrica di bon ton, dunque vi spiego l’inferenza che mi ha portata a scrivere quello piccolo preambolo. Essendo amante delle creazioni fatte in casa, spesso mi chiedo cosa potrei preparare con le mie mani come accompagnamento ad una bella bottiglia di champagne quando siamo invitati a casa di amici. Prima cosa: chiedo sempre se hanno preferenze ed eventuali intolleranze. Poi normalmente la storia prosegue così…io: “Cosa posso portarti? Cosa ti farebbe piacere?”. Amica: “Ma no figurati non ti disturbare!”. Io: “Ma guarda che mi fa piacere, altrimenti scelgo io”. Amica: “Allora senti, ho visto il tuo fondant au chocolat, oppure se ti capita di fare la granola la assaggerei volentieri, ah no aspetta: ma la crostata al limone come è?”. Siamo sempre punto e a capo. E dunque tornando all’inferenza, ora ve la spiego meglio. Siamo prossimi all’estate, e finalmente ci possiamo rivedere (sempre mantenendo le dovute distanze sociali e con il disinfettante per le mani sempre in tasca, mi raccomando!). L’invito ad una grigliata è sempre dietro l’angolo, e le grigliate hanno sempre un sapore inconfondibile del nostro territorio. Per intenderci, quando la griglia è accesa, ci si sente ticinesi nell’animo. È così, non c’è nulla da sindacare: le costine e le luganighette che si abbrustoliscono a puntino sulle griglie roventi fanno parte del nostro patrimonio culinario. Come gli amaretti, che farete voi e porterete in dono alla grigliata per una giornata 100% ticinese…fine dell’inferenza.

Difficoltà: facile
Tempo di preparazione: 15 minuti
Tempo di cottura: 5 minuti
NOTA: necessitano 12 ore di riposo prima della cottura

Ingredienti per 20 amaretti (1 teglia)

170 grammi di mandorle senza pelle
110 grammi di zucchero bianco
1 albume (di uovo medio-grande)
Qualche goccia di aroma di mandorle amare
Zucchero al velo q.b.
Opzionale: 
40 grammi di cioccolato fondente 

Mettete le mandorle e lo zucchero in un mixer potente e frullate finché non avrete ottenuto una polvere fine (tipo farina). Trasferite la farina di mandorle in una terrina, aggiungete qualche goccia di aroma di mandorle amare e l’albume. A questo punto impastate finché non otterrete un composto omogeneo. Con le mani bagnate con acqua fredda, suddividete l’impasto in 4 parti uguali, ognuna delle quali va poi suddivisa in 5 parti in modo da ottenere 20 pezzi. Se le mani diventano troppo appiccicose, lavatele nuovamente sotto l’acqua fredda senza asciugarle. Formate 20 palline ed adagiatele su una teglia ricoperta con carta da forno. Ora bisogna dar loro la classica forma dell’amaretto: con tre dita (pollice, indice, medio) premete leggermente gli amaretti dall’alto verso il basso. Lasciateli riposare per 12 ore in modo che si asciughino (io li ho messi nel forno spento).
Passate le 12 ore, spolverateli con dello zucchero al velo e cuoceteli nel forno preriscaldato a 230 gradi. Se li preferite un po’ più croccanti e dorati, aumentate di un minuto la cottura, non di più.
Lasciateli raffreddare sulla teglia.
Se volete potete dar loro un tocco in più decorandoli con del cioccolato fondente (vedi immagine): fate fondere il cioccolato a bagnomaria, decorate i vostri amaretti e poi riponeteli almeno 30 minuti in frigorifero in modo che il cioccolato si solidifichi. 


ENGLISH VERSION RECIPE

Difficulty: easy
Preparation time: 15 minutes
Cooking time: 5 minutes
NOTE: they need 12 hours of rest before cooking

Ingredients for 20 amaretti (1 tray)

170 grams of skinless almonds
110 grams of white sugar
1 egg white (medium-large egg)
A few drops of bitter almond aroma
Icing sugar to taste
Optional:
40 grams of dark chocolate

Put the almonds and sugar in a powerful mixer and blend until you have obtained a fine powder (like flour). Transfer the almond flour into a bowl, add a few drops of bitter almond aroma and egg white. At this point knead until you obtain a homogeneous mixture. With your hands wet with cold water, divide the dough into 4 equal parts, each of which is then divided into 5 parts in order to obtain 20 pieces. If your hands become too sticky, wash them again under cold water without drying them. Form 20 balls and place them on a baking tray covered with parchment paper. Now you need to give them the classic amaretto shape: with three fingers (thumb, index, middle), lightly press the macaroons from top to bottom. Let them rest for 12 hours so that they dry out (I put them in the oven “off”).
After 12 hours, sprinkle with icing sugar and bake in the preheated oven at 230 degrees. If you prefer them a little more crispy and golden, increase the cooking by one minute, not more.
Let them cool on the pan. If you want you can give them an extra touch by decorating them with dark chocolate (see image): melt the chocolate in a water bath, decorate your macaroons and then put them in the fridge for at least 30 minutes so that the chocolate solidifies.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...