Pane senza farina

Partiamo da qui: sono un’amante di tutto ciò che ha le sembianze del cibo per gli uccellini. Granola, semini tostati, noccioline ovunque. E partiamo anche da qui: sono sempre alla ricerca di alternative sane e gustose, quelle creazioni che mentre le mangi sei soddisfatto perché sono buonissime e sai che ti faranno pure bene.
Messi nero su bianco questi due presupposti, posso iniziare a raccontarvi come sono arrivata a questo pane. Ne mangiai uno simile anni fa’, ma davvero tanti anni fa’, era un pane nordico, ricco di noci e semi, forse anche uvette. Insomma, per una come me, una vera festa. Inutile dire che la mia missione fu una ed una sola: replicarlo. Così iniziano le mie ricerche online, navigando tra siti e blog che mi fanno arrivare virtualmente all’estremo nord, dove però questo pane viene fatto con qualcosa tipo 6 uova. Una, due, tre, quattro, cinque, sei. E ci ho pure provato. Risultato? Il sapore non mi ha convinta per nulla, era simile ad una frittata di semi. Lasciamo stare. Da bravo capricorno cocciuto, continuo la mia ricerca. Arrivo così ad un pane molto simile a ciò che avevo in mente, lo sforno più volte per capire come fosse. Verdetto: troppo poco resistente al taglio del coltello e troppo poco simile ad una fetta di pane come la volevo io. Una delusione grande quante le mie aspettative. Ma poi ci sono arrivata, l’ho trovato. Sfornato una volta. Perfetto. Sfornato una seconda, terza, e quarta volta. Sempre perfetto. Fatto assaggiare alle amiche. Perfetto anche per loro. È un pane talmente speciale che vorrei vantarmi e dirvi che la ricetta è mia, ma non è così. Però, l’ho fatta mia, e spero possiate farlo anche voi. Difficoltà: facileTempo di preparazione: 10 minuti (più 2 ore di “riposo”)
Tempo di cottura: 1 ora

Ingredienti per un pane (stampo da plumcake di circa 22 cm)

140 grammi di semi di girasole
90 grammi di semi di lino dorati
70 grammi di noci (a scelta tra mandorle, nocciole, noci o un mix tra questi)
150 grammi di fiocchi di avena fini
30 grammi di semi di chia4 cucchiai da minestra di cuticola di semi di psillio (importante)
1 cucchiaino raso di sale dell’Himalaya
Una bella manciata di uvette (opzionale)
1 cucchiaio di sciroppo d’acero
50 grammi di olio di cocco liquido (o burro chiarificato)
350 ml di acqua

  1. Mettete tutti gli ingredienti secchi in una terrina, mescolate bene.
  2. Mettete l’olio di cocco liquido (se è solido scaldatelo velocemente in un pentolino in modo che si sciolga), lo sciroppo d’acero e l’acqua in un’altra terrina, mescolate bene e poi versateli sugli ingredienti secchi.
  3. Mescolate bene in modo che tutti gli ingredienti siano ben impregnati e secondariamente che il composto inizi a solidificarsi.
  4. Rivestite uno stampo da plumcake con della carta da forno (bagnata e strizzata), versatevi il composto, livellatelo bene, copritelo con della pellicola trasparente e fatelo riposare almeno 2 ore in modo che i semi facciano fuoriuscire la mucillagine che terrà assieme tutti gli altri ingredienti.
  5. Preriscaldate il forno a 175 gradi (modalità statica).
  6. Infornate il pane al centro del forno per 25 minuti, poi estraetelo delicatamente dallo stampo, capovolgetelo e fatelo cuocere direttamente sulla griglia del forno per altri 35-40 minuti.
  7. Fatelo raffreddare completamente su una gratella prima di tagliarlo a fette.
    Note:
    – Questo pane è ancora più buono se tagliato a fette e tostat
    – Potete anche congelarlo: tagliatelo a fette, congelatele singolarmente e quando vi servirà potrete semplicemente metterlo un attimo in forno o nel tostapane prima di gustarlo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...