Bella e buona

Una base friabile, della crema profumata, e tante mele disposte come fosse un disegno

Ci sono torte che sono opere d’arte. E poi ci sono le torte deliziose. La massima ambizione sarebbe quella di unire le due cose, obbiettivo non sempre evidente. Che la pasticceria, si sa, non concede grandi margini di errore, pena un flop epico che renderà indigesta non solo la torta, ma anche la giornata. Perché quando ci si prende del tempo per fare una torta, le aspettative in ballo sono molte, e si parla quasi di ansia da prestazione. Cuocerà bene all’interno? Mica si seccherà? E se non lievita? Ma lo zucchero non sarà troppo? Trovare ricette ben calibrate che diano davvero soddisfazione, non è per nulla scontato. Quante torte davo per “traballanti”, ed invece sono diventate un must qui a casa? Quante invece pensavo fossero eccezionali, invece mi hanno delusa al punto da camminare avanti ed indietro per la cucina cercando scuse ed appigli che non ho trovato? Problemi grassi, direte voi. Però quando mi ci metto d’impegno, e spero in un risultato grandioso, non amo per nulla essere sbugiardata. E poi ho creato lei, la torta con la quale vinco sempre, e vincerete anche voi.

Difficoltà: media
Tempo di preparazione: 30 minuti
Tempo di cottura: circa 40 minuti

Ingredienti per una crostata

Per la crema alle mandorle
5 dl di latte vegetale (mandorla, soia o avena) oppure di mucca
70 grammi di zucchero di cocco (o bianco), oppure 80 grammi di eritritolo
45 grammi di maizena
100 grammi di mandorle (senza pelle) grattugiate
scorza di 1 limone biologico

Per la base della torta
150 grammi di mandorle grattugiate (anche con la pelle)
150 grammi di fiocchi di avena (se necessario: senza glutine)
80 grammi di olio di cocco (solido) o burro
1 cucchiaino raso di sale dell’Himalaya
3 cucchiai di sciroppo d’acero

Per decorare
5-6 mele, di due colori diversi (ad esempio golden e pink lady)

  1. Per la base della crostata: mettete i fiocchi di avena in un tritatutto e polverizzateli. Metteteli in una terrina assieme alle mandorle, il sale dell’Himalaya, l’olio di cocco e lo sciroppo d’acero. Mescolate bene finché non otterrete un composto omogeneo (per praticità potete impastare con le mani).
  2. Stendete il composto su una teglia per crostate (ricoperta con carta da forno), livellate bene e create un bordo di 2 cm. Bucherellate il fondo con una forchetta.
  3. Cuocete nel forno preriscaldato a 180 gradi per circa 10 minuti, poi lasciate raffreddare la base lasciandola nello stampo.
  4. Per la crema alle mandorle: versate 1 dl di latte in un pentolino e, con l’aiuto di una frusta da cucina, fatevi sciogliere la maizena. Aggiungete poi lo zucchero, la scorza di limone, le mandorle ed il latte rimanente. Mescolate bene.
  5. Portate a bollore per un minuto, mescolando continuamente, poi abbassate la fiamma facendo cuocere la crema finché non si sarà ben addensata. Lasciatela raffreddare.
  6. Stendete la crema alle mandorle sulla base della crostata, livellate bene.
  7. Lavate le mele e senza sbucciarle tagliatele a fettine sottilissime, disponetele sulla crema creando una disegno ad onde, come fosse un quadro.
  8. Spolverate con dello zucchero ed infornate nuovamente a 180 gradi per circa 35 minuti.
  9. Togliete la crostata dal forno e lasciatela raffreddare completamente prima di servirla, eventualmente con un po’ di zucchero al velo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...