Arrivano i Re Magi

In Svizzera ne viene venduta praticamente una per ogni famiglia, ma è possibile prepararla con successo anche in casaForse sono le mie origini d’oltre Gottardo, o forse la mia età, ma non ricordo di aver mai festeggiato la befana durante la mia infanzia. A dirla tutta, credo proprio che ne ignorassi l’esistenza perché per noi le feste di Natale e Capodanno finivano in altro modo. Non era la vecchina sulla scopa a portarsi via i bagordi, ma un dolce che puntualmente appariva ad ogni Epifania sulla nostra tavola per colazione. Ma più che il dolce in sé, che è comunque un lievitato buonissimo, era la caccia alla mini stuatuetta del Re a farci fremere di attesa. Come ogni anno, passavamo le vacanze nella casa di montagna, e come ogni anno la fortunella ad accaparrarsi la vittoria trovando il malloppo nel Dreikönigskuchen, ero io. Sono certa che, avendo sempre avuto uno spirito competitivo, i miei genitori concentrassero tutti i loro pensieri ed energie affinché vincessi io evitando cosi piagnucolii e lamentele nelle 24 ore successive (o forse più). Per chi non conoscesse la modalità di questa tradizione, funziona così: chi trova il Re Magio, o la mandorla, può essere Re o Regina per un giorno, distribuendo ordini e desideri al resto della famiglia. Che poi, la sottoscritta, una volta intascata la vittoria onestamente non sapeva comunque cosa farsene. Avevo vinto, quello era l’obbiettivo, ma di dare ordini a mia sorella o ai miei genitori credetemi, non ne ero mica capace. Felice, mi vestivo e andavo a sciare convinta di essere una regina, anche se col casco al posto della corona.

Difficoltà: facile
Tempo di preparazione: 20 minuti
Tempo di cottura: 30 minuti
Lievitazione: in totale 2.5 ore 

Ingredienti

500 grammi di farina bianca
3 dl di latte intero
70 grammi di burro ammorbidito
3 cucchiai di zucchero
1.5 cucchiaini di sale dell’Himalaya 
20 grammi di lievito fresco 
Un cucchiaino di polvere di vaniglia 
Per guarnire:
1 uovo
Granella di pistacchio
(Oppure mandorle a lamelle o granella di zucchero)
1 mandorla o 1 cioccolatino per il Re 

Iniziate mettendo la farina, lo zucchero ed il sale in una terrina. Mescolate.
Aggiungete il lievito sbriciolato, il burro e la vaniglia. Iniziate a mescolare. Aggiungete poi il latte, mescolate finché avrete ottenuto un composto abbastanza omogeneo da poterlo rovesciare sul piano di lavoro. Impastatelo per una decina di minuti, finché non sarà ben liscio. Rimettetelo nella terrina, coprite con la pellicola trasparente e lasciate lievitare per 2 ore.
Suddividete l’impasto creando 8 palline da 80 grammi l’una, ed una palla più grande con il resto dell’impasto. In una delle 8 palline nascondete il cioccolatino o la mandorla. Create la corona mettendo le 8 palline attorno a quella più grande su una teglia ricoperta con carta da forno. Coprite nuovamente l’impasto con la pellicola trasparente e lasciate lievitare ancora 30 minuti. Accendete il forno a 180 gradi.
Sbattete l’uovo e spennellatelo sull’impasto, poi distribuitevi la granella di pistacchio (o gli zuccherini/mandorle a lamelle).
Infornate per 30 minuti nella parte medio bassa del forno. Lasciate poi raffreddare la corona su una gratella e gustatela il prima possibile…rispettando la tradizione per cui, chi troverà il cioccolatino/mandorla, sarà il Re/Regina per tutta la giornata dell’Epifania.


ENGLISH VERSION RECIPE

Difficulty: easy
Preparation time: 20 minutes
Cooking time: 30 minutes
(plus 2.5 hours leavening)

Ingredients

500 grams of white flour
3 dl of whole milk
70 grams of softened butter
3 tablespoons of sugar
1.5 teaspoons of Himalayan salt
20 grams of fresh yeast
A teaspoon of vanilla powder
To garnish
1 egg Chopped pistachio (Or sliced ​​almonds or granulated sugar)
1 almond or 1 chocolate for the King

Start by putting the flour, sugar and salt in a bowl. Jumbled up. Add the crumbled yeast, butter and vanilla. Start mixing. Then add the milk, stir until you have obtained a mixture homogeneous enough to be able to turn it over on the work surface. Knead it for about ten minutes, until it is very smooth. Put it back in the bowl, cover with cling film and let it rise for 2 hours. Divide the dough into 8 balls of 80 grams each, and a larger ball with the rest of the dough. In one of the 8 balls, hide the chocolate or almond. Create the crown by placing the 8 balls around the larger one on a baking sheet covered with parchment paper. Cover the dough again with cling film and let it rise for another 30 minutes. Turn on the oven to 180 degrees. Beat the egg and brush it on the dough, then distribute the chopped pistachios (or the sugar / sliced ​​almonds). Bake for 30 minutes in the lower middle part of the oven. Then let the crown cool on a wire rack and enjoy it as soon as possible … respecting the tradition that whoever finds the chocolate / almond will be the King / Queen for the whole day of Epiphany.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...